Lettera

In giardino il ciliegio è fiorito agli scoppi del nuovo sole, il quartiere si è presto riempito di neve di pioppi e di parole. All’una in punto si sente il suono acciottolante che fanno i piatti, le TV sono un rombo di tuono per l’indifferenza scostante dei gatti ; come vedi tutto è normale in questa inutile sarabanda ma nell’intreccio di … Continua a leggere

Filo spinato.

Le parole restano impigliate tra il filo spinato.   Filo spinato sulle labbra, filo spinato che avvolge le mie mani. E non riesco a comunicare come vorrei. Non riesco a parlare con lui, mio padre. Lui che alle parole sta rinunciando perché non riesce più ad esprimersi liberamente. Confuso. E il tumore cresce incessantemente e i giorni sono dannatamente lunghi … Continua a leggere

Banale?

Banale. Lo ammetto. Ma sono anche dannatamente simpatici, no?E poi io ho un debole per le renne. Più per loro che per Babbo Natale. E gli auguri?  È così è NataleCos'è successo?Un altro anno è finitoE ne sta già iniziando uno nuovoE così è NataleSpero vi divertiateVicini e lontaniVecchi e giovaniBuon NataleE buon anno nuovoSperiamo sia buonoE senza paureE così … Continua a leggere

Cappotti

Coprirsi, ripararsidal freddo o da uno sguardo freddo. Incontrarsi nel caldo tepore di un abbraccio. Che ripara dal gelodell'inverno. Alla fine, comunque, lasciarsi. Da: Ventiquattro – 2005

Non è tardi.

Forse. Non è tardi per questo post, mi sono accorta che sono passati più di due mesi dall'ultima volta che sono riuscita a scrivere qualcosa. Non è tardi per l'università, mi sono iscritta ad economia, infondo erano 10 anni che rimuginavo. Non è tardi per tornare a godermi l'amicizia con lui. Che mesi e mesi di silenzi sono stati sommersi … Continua a leggere

La sigaretta

Non significa niente. Era semplicemente la cosa giusta al momento giusto. E non perché era una sigaretta. Perché solo il fatto di essere una sigaretta la rende sbagliata. Ma era davvero la cosa giusta al momento giusto. Che non era neanche il momento giusto. Perché non esistono momenti giusti, per me, oggi. Solo che mio padre è stanco e triste … Continua a leggere

Il ponte invisibile

E' come attraversare un ponte trasparente, un ponte che non sapevi nemmeno esistesse. Non lo vedi sotto i tuoi piedi ma sai che c'è perché all'improvviso il tuo sguardo coglie il baratro e non c'è più terra. E' come se esistessero due cordoni ombelicali.Uno te lo hanno tagliato senza chiederti il permesso quando non potevi far altro che gridare in … Continua a leggere